Antolini è presente a Bau Monaco 2017 con un allestimento in grado di esaltare le potenzialità espressive della pietra naturale, in una composizione essenziale che punta sugli accostamenti monocromatici.

Altamente onirica ed emozionale, l’ambientazione – su progetto di Alessandro La Spada –  sviluppa un racconto omogeneo che si declina in diversi effetti materici. Superfici e linee orizzontali evidenziano volumi compatti mettendo in risalto la preziosità dei diversi toni, in un gioco monocromatico sull’azzurro, bianco, avorio e beige.

La superficie del pavimento in Taj Mahal, in finitura lether, diventa simile ad un lago specchiante, un piano su cui gli elementi emergono, quasi fluttuando, al centro dello spazio. Le pareti in Taj Mahal, in finitura polished, contengono linee orizzontali che, come strati naturali nella roccia, creano un forte contrasto materico grazie all’impatto cromatico e di texture della Quartzite Cielo, in finiture Stratos, polished e hydrosoft.

L’evanescente cromatismo della Quarzite Cielo – qui interpretata con diversi trattamenti come nel blocco cucina (con finiture Stratos e lether), nella seduta centrale (ancora in Stratos e lether), e nel tavolo della Stone Library (in finitura polished) – instaura un poetico dialogo con i volumi scolpiti dalla luce, mettendo in evidenza la forza espressiva della pietra naturale.

Taj Mahal

Taj Mahal riflette tutto lo splendore e la bellezza monumentale dell’opera architettonica indiana cui rende omaggio col suo nome. Come un gioiello, il Taj Mahal  – storico mausoleo che Tagore definì una lacrima di marmo ferma sulla guancia del tempo – è rosato al mattino, bianco latteo alla sera e scintillante al chiaro di luna. Allo stesso modo, la pietra naturale Taj Mahal  proposta da Antolini sa catturare la luce e rimandarla con sfumature quasi impercettibili all’occhio umano, ma che possiamo cogliere appieno attraverso il nostro istinto emozionale.

Un unico materiale per interpretare la creatività più pulsante. Una soluzione che si presta a chiavi di lettura classiche e moderne ma sempre nel segno dell’eleganza.

Quartzite Cielo

Davanti a sconfinate distese di granelli di sabbia bianca, il mare è increspato dall’arrivo di un temporale improvviso mentre, lentamente, il cielo si tinge di un grigio bluastro, attraversato da argentee pennellate di grigio e dal dorato bagliore dei lampi: queste, le immagine evocate da Quartzite Cielo, materiale cristallino ed estremamente suggestivo proposto da Antolini.

L’incontro tra l’irrequietezza di un continuo mutamento nell’aria e l’energia vitale insita nella terra sembra aver fatto dono dei toni dell’infinito a questa straordinaria Quartzite. Un senso di assoluto, di incontaminata purezza attraversa ogni superficie realizzata con questa  pietra naturale che si distingue per le tonalità grigio/azzurre screziate di bianco e oro e che sa conferire agli ambienti un senso di forza, calma e sicurezza.

Articoli correlati

Number of exhibitors: 2,120 of which are 715 from abroad (34 percent) Number of participating countries:...